Un luogo da sogno tra le colline umbre

La storia speciale de "La Scarzuola", un luogo da sogno sulle colline umbre un blog ospite di Marij Lamers per Polmone

Ci vuole un po 'di perplessità, ma se ti siedi al Polmone sulla terrazza della Biblioteca o del Cinema, puoi vedere La Scarzuola, vicino al castello di Montegiove del XIII secolo; un luogo da sogno sulle colline umbre con una lunga storia.

Inoltre non immediatamente visibili sono le tracce di strade secolari che attraversavano questo paesaggio. Montegiove, ad esempio, si trovava in Via Appia, una strada costruita dai romani, che collegava Roma con quella che è ora Firenze. E i romani non furono i primi. Usarono strade etrusche per la costruzione della Via Appia e le perfezionarono secondo l'usanza romana. La via Appia si snodava in Umbria e Toscana via Bolsena, a Montegiove e da lì a Chiusi, Bagni San Filippo, Asciano e via Siena fino a Firenze. A Chiusi è ancora possibile ammirare numerosi resti etruschi, tra cui il Museo Civico La Città Sotterranea.

Francesco d'Assisi

Affresco di Francesco d'Assisi nella cappella di La Scarzuola, luogo da sogno tra le colline umbre

Secoli dopo Etruschi e Romani, anche Francesco d'Assisi attraversò questo paesaggio umbro. Trascorse un po 'di tempo vicino a Montegiove e costruì una capanna da scarza, un impianto di palude localmente presente. I sedili delle sedie da contadino erano fatti con la cannuccia di questa pianta e fino a poco tempo fa era ancora usata per proteggere le bottiglie di vino. Più tardi, alla fine del XIII secolo, i monaci francescani fondarono un piccolo monastero in questo sito, La Scarzuola, che è stato ulteriormente ampliato nel corso dei secoli.

La città da sogno ideale di Buzzi

Un architetto con un sogno

Uno dei 7 teatri della città ideale La Scarzuola, luogo da sogno tra le colline umbre

Nel 1957 il complesso monastico abbandonato e abbandonato fu acquistato dall'architetto milanese Tomaso Buzzi che progettò ville per l'élite milanese. Fu anche designer e interior designer e come tale uno dei trendsetter del gusto italiano negli anni '30 e '40. Con l'acquisto di La Scarzuola, Buzzi voleva realizzare un desiderio di vecchia data.

Ha costruito il suo essere lì città da sogno ideale, un luogo da sogno tra le colline umbre. Lavorava in silenzio sulla sua città ideale da 25 anni; una città su piccola scala con edifici che riflettono la storia dell'architettura. In epoca romana Adriano realizzò un'idea simile. Nella sua residenza di campagna, Villa Adriana a Tivoli, questo imperatore romano fece ricostruire in scala edifici che aveva visto durante le sue campagne.

La città mondana di Buzzi

Il terzo occhio in uno dei sette teatri di La Scarzuola, luogo da sogno di Tomaso Buzzi nelle colline umbre

Nella "città mondana", che Buzzi ha modellato a La Scarzuola, puoi riconoscere gli straordinari edifici dell'antica Atene e di Roma. Ci sono anche riferimenti ad architetti francesi dai tempi della Rivoluzione. Lo spazio circolare con il cipresso morto rappresenta il monumento funebre mai realizzato che Étienne-Louis Boullée voleva costruire per Isaac Newton. E l'occhio di mattoni è il terzo occhio che sperimenta tutto. È un riferimento a un'incisione di Claude-Nicolas Ledoux, progettista di edifici utopici, ma anche del teatro di Besançon.

La città santa di Buzzi

Una grande bocca è l'accesso agli inferi a La Scarzuola, luogo da sogno tra le colline umbre

La Scarzuola è, oltre a un riflesso della storia dell'architettura, anche una teatro della mente. Simbolizzato in sette teatri, tra cui il Teatro alla Scala di Milano. Il numero biblico sette ritorna sempre. Gli orologi si fermano alle sette. Nella città ideale di Buzzi puoi dimenticare il tempo e la vita terrena quotidiana. Ci sono molti riferimenti a miti, esoterismo e religione. Il colonnato rappresenta le dodici opere che Eracle doveva eseguire, una rappresentazione del peso della vita. Lo stupa buddista rappresenta l'illuminazione spirituale. Una grande bocca, vista anche nel Parco dei Mostri di Bomarzo, è l'ingresso agli inferi.

La bocca della balena è la storia del biblico Jonas. Di fronte alla "città mondana" sorge l'antico monastero come la "città santa", una sorta di paradiso. Il giardino del monastero è un hortus conclusus, un giardino chiuso fuori dal mondo esterno, come rappresentazione del paradiso.

Nessuna attrazione turistica

La città ideale di Buzzi non era destinata al grande pubblico, ma a se stesso e ai suoi amici, incluso il surrealista Salvador Dalì. Dopo la sua morte, Buzzi voleva che la sua città dei sogni fosse restituita alla natura. La città non era ancora finita quando morì nel 1981.

Un sogno come fonte di ispirazione

Ora suo cugino Marco Solari sta costruendo il sogno di suo zio. Lo fa sulla base dei numerosi schizzi e note che Buzzi ha lasciato alle spalle. Un'importante fonte di ispirazione per la città dei sogni ideale si è rivelata essere la Hypnerotomachia Poliphili, un libro misterioso del 1499.

Il sogno di Polifilo

Marij Lamers racconta un libro speciale su un luogo da sogno tra le colline umbre

È stato stampato a Venezia ed è considerato la stampa più famosa del Rinascimento italiano. La tipografia è bellissima, illuminata con 172 xilografie, una caratteristica speciale all'epoca. Le immagini di edifici, giardini e paesaggi forniscono una spiegazione della storia: un sogno in cui Polifilo intraprende una ricerca per la sua amata Polia. È uno ricerca allegorica in cui l'eroe dell'oscurità viene condotto alla luce. Una specie di pagano Divina Commedia.

Nella seconda parte del libro la storia viene raccontata di nuovo, ma dal punto di vista della ragazza Polia. Questa parte ricorda le storie popolari di Decamerone del Boccaccio.
Ma oltre a una storia d'amore, il libro è anche una sorta di enciclopedia, in cui lo scrittore ha collegato la sua conoscenza di tutti i possibili argomenti dell'antichità ai suoi tempi nella raffinata arte linguistica.

Francesco Colonna

Francesco Colonna, un monaco veneziano, è generalmente indicato come l'autore più probabile dell'Hypnerotomachia Poliphili. Il libro riflette la Venezia del XV secolo, la sua abbondanza di prodotti preziosi che venivano scambiati, le sue feste esuberanti e la cucina sontuosa e sottile della nobiltà.
Come monaco, Colonna aveva una vasta biblioteca nel suo monastero. Ad esempio, nel suo libro includerebbe brani del Naturalis historia del romano Plinio. Ma anche da tratti di architetti rinascimentali Leon Battista Alberti e Filarete, che è noto dalle porte di bronzo del Sint Pieter a Roma. Il tratto di Filarete contiene anche illustrazioni di fantastici edifici, tra cui una città circolare ideale.

Il Parco dei Mostri

La bocca nel Parco dei Mostri un luogo da sogno a Bomarzo

L'Hypnerotomachia Poliphili è incredibilmente poco tradotto. La prima traduzione completa in francese apparve, quasi trecento anni dopo, nel 1883 e solo nel 1999 nel 1999. Nel 2006 il libro fu tradotto per la prima volta in olandese come Il sogno di Polifilo. Nonostante le scarse traduzioni, il libro lo è influente stato nella letteratura europea e nelle arti visive. Pittori come Albrecht Dürer, Lucas Cranach e Jan van Scorel furono particolarmente influenzati dal libro di Colonna.

Ci sono anche tracce chiare nella storia dell'architettura del paesaggio. In Italia, ad esempio, nel già citato Il Parco dei Mostri a Bomarzo (visitabile anche da Polmone!), il misterioso parco paesaggistico del XVI secolo creato da Pier Francesco Orsini e dedicato a sua moglie, morta giovane. In Francia, Luigi XIV fu ispirato dalle fantasie del giardino di Colonna nella costruzione del parco Versailles.

E molti altri

Questo sogno di Polifilo ha fatto sognare molte persone, come una volta esprimeva un poeta del XVIII secolo e non solo architetti come Tomaso Buzzi quando sognava la sua città ideale e la realizzava (in parte) a La Scarzuola, ma anche filosofi, scrittori e artisti .

Sognando Polmone

E quelli che hanno scoperto seduti sulla terrazza del Polmone La Scarzuola potrebbero anche leggere Un segreto veneziano. Un thriller americano di Ian Caldwell e Dustin Thomason che cerca di risolvere una serie di enigmi attorno all'Hypnerotomachia Poliphili.

Vuoi saperne di più su questo luogo da sogno tra le colline umbre? Dai un'occhiata in giro questo sito o semplicemente inviaci un messaggio. Quindi guardiamo insieme qual è l'appartamento dei tuoi sogni.
Ma ovviamente puoi anche vedere di persona inserendo il periodo dei tuoi sogni qui sotto.

Check-in:

Partenza il:

[string_chosen_admin_search_type]

Numero di alloggi:

adulti:

bambini:

 

 

Ricerca in corso ...

×
Alloggio 1

Alloggio 2

Alloggio 3

Alloggio 4

Alloggio 5

Inserisci i tuoi dati

buono

Se hai un codice coupon inseriscilo nel campo sottostante e fai clic su applica.

 

 

Caricamento riepilogo...

 

Termini e condizioni

Non ci sono gateway di pagamento attivi. Attiva almeno un gateway di pagamento nelle impostazioni di HBook (HBook > Pagamento).

Elaborazione in corso ...

 

Altri suggerimenti da noi per scoprire l'Umbria

Alla scoperta dell'Umbria - i nostri consigli per Orvieto
Alla scoperta dell'Umbria - i nostri consigli per Perugia
Alla scoperta dell'Umbria - i nostri consigli per degustare il vino
Alla scoperta dell'Umbria - i nostri consigli per gli eventi dove andare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.