Natale in Italia

Natale in Umbria

Il Natale in Italia, e per noi ovviamente il Natale in Umbria, è una festa speciale ogni anno. E davvero speciale per noi. Ricordo ancora ieri il nostro primo vero Natale in Italia. L'anno è il 1989. Durante le vacanze autunnali siamo stati per la prima volta in vacanza in Italia e lì abbiamo visto Polmone. Non dimenticherò mai quel momento. Una rovina di una fattoria in cima a una collina deserta che contrastava con il cielo autunnale arancione. Entrambi ignoravano ancora del tutto che un giorno avremmo vissuto lì e avremmo ricevuto ospiti.
Siamo tornati durante le vacanze di Natale. Mostrare i bambini e firmare il contratto preliminare di acquisto. Poi è iniziata la nostra avventura. Quindi il Natale in Italia e soprattutto il Natale in Umbria è molto speciale per noi. Sei curioso della nostra storia su come abbiamo trovato Polmone? Allora leggi qui il mio articolo sulla Gazzetta del Polmone su come siamo finiti in Umbria.

Atmosfera natalizia in Italia

Kerstmis in Italië met onze zelfgemaakte kerststal met terracotta beeldjes uit Ripabianca

Per me, il Natale in Italia è profumo di stufe a legna, freddo umido, palline di plastica dai colori vivaci sull'albero di Natale nei villaggi con luci lampeggianti veloci, strade splendidamente illuminate, l'albero di Natale in Piazza IV Novembre a Perugia e le vetrine dei negozi splendidamente decorate a il Corso Vannucci. A casa nostra le luci sono accese sull'albero di Natale e fuori il nostro presepe fatto in casa è in una vecchia bottiglia di vino con statuine in terracotta di Ripabianca. La stufa a legna sbuffa e ci godiamo un autentico pranzo natalizio umbro.

Come si celebra il Natale in Italia

Kerstmis in Italië betekent naar een gezellige kerstmarkt gaan. Bijvoorbeeld in de Rocca Paolina in Perugia

Nei Paesi Bassi, la maggior parte delle persone decora l'albero di Natale dopo Sinterklaas e rende accogliente la loro casa "pronta per il Natale". Qui in Italia, il presepe e l'albero di Natale vengono sempre allestiti l'8 dicembre quando si celebra l'Immacolata Concezione o la Festa della Madonna. Questo è anche il segnale di partenza per gli accoglienti mercatini di Natale che puoi visitare. I presepi sono molto speciali in Italia.

Sapevi che il presepe è stato introdotto da Francesco d'Assisi?

La primissima rappresentazione della nascita di Gesù risale all'anno 1223 nel comune di Greccio in provincia di Rieti. Francesco d'Assisi era lì una volta nel 1209 quando il suo aiuto fu arruolato in terribili attacchi al villaggio da parte dei lupi.
Lì stringe amicizia con il nobile Giovanni Velita di Greccio, che gli chiede di venire a predicare lì. Dopo un viaggio in Palestina, Greccio ha fatto in modo che Francesco pensasse a Betlemme da voler raccontare la nascita di Gesù in quella zona. Chiese all'amico Giovanni Velita di Greccio di trovare una grotta dove si potesse creare un luogo di alimentazione per un bue e un asino. Ordinò che fosse trasformato in una culla di stracci e paglia, seguito da un bue, un asino e una bambola di pezza.
Il primo presepe vivente della storia. E secondo la leggenda, durante la messa è avvenuto un miracolo. Durante la sua predica sulla nascita di quello che chiamava il dio dei poveri, il nobile Giovanni Velita di Greccio vide la bambola di pezza muoversi e prendere vita. Vide persino san Francesco prendere in braccio il bambino vivo.
Molto probabilmente, il nobile fu così commosso dal sermone di Francesco che vide più di quello che c'era, ma questo è ciò che racconta la leggenda.

Presepe vivente

Kerstmis in Italië in Rotecastello helemaal omgetoverd tot een levende kerststal

Ogni anno dal 1972 a Greccio va in scena la nascita del dio dei poveri in un presepe vivente con costumi del 1200 proveniente dal Teatro dell'Opera di Roma. E seguendo il presepe vivente di Greccio, potrai vedere i presepi viventi in molti luoghi d'Italia. Qualche anno fa, tutta Rotecastello, un piccolo paese vicino a Polmone, è stata allestita come presepe vivente. E ogni anno il presepe vivente di Fratta Todina conclude per sempre tutte le festività natalizie con uno sfolgorante spettacolo pirotecnico la sera del 6 gennaio.

Ma forse è stato San Gaetano a introdurre il presepe

Leggendomi un po 'nella storia del presepe, mi sono imbattuto, secondo i napoletani, il vero inventore del presepe. Secondo la tradizione napoletana, è proprio San Gaetano a introdurre il presepe. Era un sacerdote che viveva nella tradizione mutevole della chiesa durante il tempo di Martin Lutero e voleva portare la chiesa più alla gente comune. Ecco perché ha fatto realizzare un presepe nella chiesa dove la gente comune poteva venire e vedere, sperimentare e riconoscere il miracolo della nascita di Cristo.
Fece in modo che le persone venissero allertate della futura nascita di Cristo permettendo a persone che suonavano il semplice flauto del pastore, i cosiddetti zampognari, di suonare e cantare per le strade di Napoli. Fu un successo e furono allestiti presepi anche in altre chiese. E presto ci furono anche i presepi nelle case dei nobili, poi della ricca borghesia e poi nelle case della gente comune.

La realizzazione di presepi è diventata un'arte popolare nazionale in Italia

E ora il presepe è realizzato in quasi tutte le famiglie italiane. E non è solo una mangiatoia con tutte le figure famose intorno in una stalla con una stella appesa ad essa. Spesso sono interi villaggi con colline di cartapesta, dove puoi vedere la vita rurale o di villaggio italiana raffigurata e, naturalmente, da qualche parte in una stalla il bambino Gesù con Giuseppe e Maria. Ci sono fiumi dove scorre l'acqua reale. Vedi fuochi di legna, persone al lavoro. Borghi che si adagiano su una collina con quei bei tetti in cotto, dove di tanto in tanto si accendono i lampioni e la vita del villaggio lentamente si ferma. Vere opere d'arte e una tradizione tramandata di padre in figlio. Ogni regione ha il suo tipo di presepe e il napoletano è il più famoso.
Ogni anno in Italia si svolgono gare per vedere chi ha realizzato il presepe più bello. Ad esempio, quasi ogni anno andiamo nel centro storico di Massa Martana dove vediamo una vasta collezione di presepi provenienti da tutte le regioni d'Italia, trasformati da persone comuni in artisti famosi. La mostra annuale si chiama Presepi d'Italia a Massa Martana.

Kerstmis in Italië met de napolitaanse kerststal van Massimo Rao

Ogni anno, qui a Pornello, viene ricostruito anche il presepe realizzato dal celebre pittore Massimo Rao. L'artista, napoletano di nascita, viveva nelle vicinanze, ma è scomparso pochi anni fa in giovane età.

L'albero di Natale più grande del mondo è a Gubbio

Il Natale include anche un albero di Natale. Si installa sia all'interno che all'esterno. E almeno ce n'è sempre uno nella piazza principale di una grande città. In Italia, l'albero di Natale viene solitamente addobbato l'8 dicembre quando gli italiani sono liberi perché si celebra La Festa della Madonna.
A Gubbio la sera prima si accendono le luci dell'albero di Natale più grande del mondo. Questo albero di Natale si staglia contro il Monte Ingino ed è un albero molto particolare, perché consiste solo di illuminazione. Ogni anno dal 1981 un gruppo di volontari crea questo gigantesco albero di Natale con l'ausilio di lampade. Da lontano giace, per così dire, sui fianchi della collina. L'albero è alto 750 me largo 450 m ed è composto da 300 lampade per il contorno dell'albero, 400 lampade colorate per colorare l'albero. Ha una stella con una dimensione di 1000 m2, che a sua volta è composta da 250 lampade. Per cablare tutto servono 7,5 chilometri di cavo! La dimensione totale del "boom" è di quasi 30 campi da calcio. I volontari hanno bisogno di 1.300 ore ogni anno per rimontare l'albero. Nel 1991 è stato inserito nel Guinness dei primati.
A dire il vero non siamo ancora stati a Gubbio nel periodo natalizio e quindi non abbiamo potuto ammirarlo con i nostri occhi. Ma ho trovato un bel video su Youtube

Cosa si mangia in Italia a Natale

Gli italiani non saranno italiani se non mettono in tavola un numero fisso di piatti per ogni festa da cui non si discosta. Ogni regione ha le sue tradizioni culinarie. E ovviamente posso parlare solo per la tradizione umbra perché ci vivo.
Poiché l'Umbria è una regione che tradizionalmente dipende dalla sua agricoltura e allevamento, qui si vedono principalmente piatti semplici. Piatti basati sui prodotti che erano disponibili. 

Alla vigilia di Natale

Poiché le persone mangiano molto il giorno di Natale, vedi che le persone mantengono le cose semplici la vigilia di Natale. In passato, le persone digiunavano anche tutto il giorno e solo dopo la messa di mezzanotte mangiavano un pasto leggero. Ora vedi una vera cena con un primo (piatto di pasta), secondo (piatto di carne o pesce) e dolce (dolce), ma è rimasto semplice:

  • Primo: Maccheroni dolci con noci, tagliatelle senza uova a strati condite con zucchero o miele, pangrattato, noci tritate, scorza di limone, cannella, alchermes (liquore) e solitamente cacao
  • Secondo: Baccalà, merluzzo essiccato. Dopotutto, l'Umbria non confina con il mare, quindi il pesce che gli umbri mangiano tradizionalmente è pesce a lunga vita o pesce d'acqua dolce. Solitamente si prepara lo stoccafisso al forno con una semplice salsa di pomodoro a cui sono state aggiunte uvetta e prugne secche per mascherare il sapore salato dello stoccafisso.
  • Dolce: Torciglione, una sorta di banchetto bar a forma di serpente o Panpepato, un dolce tondo con noci, nocciole, mandorle, cioccolato, miele, uvetta, cannella, noce moscata, pepe e mosto bollito.

Con il Natale

Qui si festeggia solo il giorno di Natale, qui si chiama Santo Stefano e poi tutti escono fuori e dagli amici. Festeggi il Natale e la vigilia di Natale con la famiglia in Italia e il giorno di Natale gli italiani si scatenano davvero quando si tratta di cibo. Non capiamo davvero dove vanno tutti. Davvero, la gente mangia tutto il giorno. I preparativi per tutto questo cibo iniziano quindi con settimane di anticipo. I dolci vengono sfornati con largo anticipo, come il panettone e il pandoro, di cui parleremo più avanti. Anche tutta la famiglia è chiamata a preparare i cappelletti. Ma qual è il menu standard di Natale in questa parte dell'Umbria. Dico apposta questa parte dell'Umbria, perché non solo le tradizioni sono regionali, ma all'interno di una regione ci sono ovviamente anche tradizioni diverse. E queste tradizioni sono spesso legate alla disponibilità dei prodotti utilizzati.
Un tradizionale pranzo di Natale nella nostra parte dell'Umbria si presenta così:

  • Antipasto: Crostini con patè di olive, diciamo tapenade. E i crostini con paté di fegatini di pollo in anticipo.
  • Primo: Cappelletti al brodo, una sorta di tortellini ripieni di carne di piccione o cappone in brodo di ripieno di carne. E di solito dopo viene servita una seconda pasta, che qui sono spesso pappardelle alla lepre o cinghiale, un tipo molto ampio di tagliatelle con sugo di selvaggina di lepre o cinghiale.
  • Secondo: Il piatto di carne qui è solitamente un piatto di selvaggina come il fagiano o l'oca seguito da salsicce in umido con lenticchie, salsa gelato alle lenticchie di Castelluccio solitamente preparata come una specie di zuppa
  • Dolce: panettone o pandoro

Panettone o Pandoro

A inizio novembre le potete già vedere nel nostro supermercato in Umbria in tutte le dimensioni e modelli: il panettone e il pandoro. Due tipi di dolci tradizionali italiani che gli italiani (ma anche noi!) Mangiano a Natale.
Negli ultimi anni è anche possibile acquistare questo dolce tipico italiano nei Paesi Bassi. Ma che cos'è comunque? E da dove viene questa tradizione?

Kerstmis in Italië, kopen we panettone of pandoro

Panettone

Panettone

Un panettone è una torta rotonda alta, tradizionalmente ripiena di uva passa o canditi. L'origine del panettone è a Milano. E ci sono due versioni sull'origine di questa prelibatezza.
Il primo racconta di un certo Toni, servitore del duca Ludovico il Moro a Milano. Per salvare il pranzo di Natale, sostituì il dolce bruciato del cuoco con un pane dolce con frutta secca. La sua ricetta divenne rapidamente molto popolare e si diffuse rapidamente sotto il nome di "Pan del Toni" e divenne "panettone".

L'altra storia afferma che Toni era un fornaio che non aveva abbastanza clienti. Adesso voleva che avesse una bellissima figlia innamorata di un Ughetto Atellani. Tuttavia, non potevano sposarsi a causa dei problemi finanziari di padre Toni. Ughetto fece quindi finta di essere un assistente del fornaio e preparò un pane dolce con uvetta e canditi. Il pane "Pan del Toni" divenne un grande successo e salvò la compagnia da padre Toni. Gli amanti potrebbero sposarsi!
In ogni caso, il panettone lombardo in tutta Italia è diventato il tipico regalo di Natale.

Pandoro

Met Kerstmis in Italië wordt er veel pandoro gegeten

La parola "oro" significa "oro" e non è altro che l'aggiunta di uova all'impasto che rende la torta di colore giallo. Tuttavia, esiste una spiegazione più colorata per il nome. Venezia era enormemente ricca nel Rinascimento. E a quel tempo non era strano quando i dessert venivano serviti con una copertura di foglie d'oro.
Ma è più ovvio che il pandoro è un discendente del famoso dolce natalizio 'nadalin'. Una semplice torta alta che è stata preparata per Natale da tutti i residenti di Verona. La produzione del pandoro viene tradizionalmente da Verona.

Qual è la differenza?

Il panettone ha una forma tonda, una crosta spessa e viene servito con zucchero a velo.
Il pandoro, invece, ha la forma di una stella, è morbido e sempre ricoperto da uno spesso strato di zucchero a velo.
Anche la preparazione è molto diversa. La ricetta tradizionale del panettone contiene uvetta o frutta candita. D'altra parte, nel pandoro viene utilizzata solo la vaniglia.

Ricetta del panettone

Questa ricetta per il panettone è una delle versioni più semplici. Il panettone "reale" è fatto con lievito naturale, un cosiddetto "impasto madre", ma è perfettamente possibile utilizzare il lievito normale.

  • 50 g di cedro
  • 1,25 dl di latte caldo
  • 50 g di burro
  • 50 g di zucchero semolato bianco
  • 25 g di lievito fresco
  • 350 g di farina
  • 3 tuorli d'uovo
  • pizzico di sale
  • 75 g di uvetta
  • la grattugia di 1 limone e 75 g di burro fuso

Tritare la buccia candita il più finemente possibile.
Riscaldare il latte appena sotto il punto di ebollizione, aggiungere il burro, 1 cucchiaino di zucchero e il lievito e mescolare fino a che liscio.
Lasciare il composto di lievito in un luogo caldo finché non inizia a diventare spumoso.
Nel frattempo in una ciotola setacciate metà della farina, unite i tuorli, il resto dello zucchero e il sale e sbattete il tutto.
Impastare il resto della farina, il composto di lievito, l'uvetta, il cedro e la scorza di limone e impastare fino ad ottenere una pasta liscia. Lavorate l'impasto per almeno 5 minuti e poi lasciatelo in un luogo caldo nella ciotola coperta.
L'impasto dovrebbe lievitare abbastanza da raddoppiare le sue dimensioni.
Lavorate bene la pasta, mettetela in una tortiera rotonda imburrata e fatela lievitare ancora.
Spennellate la parte superiore con burro fuso e infornate il panettone per 10 minuti in forno preriscaldato (200 ° C).
Spennellate di nuovo la parte superiore e infornate la torta a 170 ° C per 40 minuti finché la parte superiore non sarà dorata e croccante.
Fate raffreddare il panettone su una gratella e tagliatelo a spicchi.

Fateci sapere se il vostro panettone fatto in casa era gustoso?
Buon Natale !!!!

6 commenti

  1. Non abbiamo bisogno di usare una prescrizione. È pronto.
    Amore. Jan e Ger

  2. Sembra molto bello, non li ho ancora visti su Deventer, sta curiosando in giro.

  3. Ce la farà qualche volta, a Ivan piace

  4. Barone Monique

    Bella storia Rose. In questo modo imparo di nuovo qualcosa. Non ce la faccio perché ho le mani piene di biscotti di Natale. Questa è tradizione qui nel nord Italia. Anche bello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.